I fiori di Bach per rilassarsi e dormire

I fiori di Bach per rilassarsi e dormire

A cavallo tra l’800 e il ‘900, il Dottor Edward Bach approfondì i suoi studi sul profondo legame esistente tra la salute del corpo e la vita interiore. Secondo il medico inglese, infatti, ogni manifestazione di malessere del nostro corpo affonda le radici in un profondo squilibrio emotivo. Per questo, secondo il suo pensiero, ogni malattia può essere sanata semplicemente mediante la restaurazione di un perfetto equilibrio tra corpo e mente.

I fondamenti di questa convinzione, del resto, affondano le radici nell’esperienza pratica di ognuno: quante volte vi è capitato di non riuscire a chiudere occhio a causa di tristezza o preoccupazioni? Partendo dal presupposto che la malattia non è altro che il segnale d’allarme di un problema che affligge la nostra interiorità, l’azione dovrà essere rivolta non al corpo, ma alla ricerca della pace della mente.

I fiori di Bach sono rimedi pensati per riportare in equilibrio le nostre emozioni. Solo grazie a questo equilibrio – fatto di coraggio, consapevolezza e pace – il nostro corpo potrà lavorare al massimo delle sue potenzialità e distanziarsi da ansia, paura e rabbia. I rimedi del Dottor Bach, infatti, sono pensati per influire positivamente sui flussi energetici che regolano le nostre emozioni, neutralizzando gli effetti delle sensazioni negative e riportando l’animo alla serenità. Assumere i fiori di Bach per rilassarsi e dormire, scegliendo quello giusto per il proprio specifico disturbo, quindi, può essere un valido aiuto per ristabilire l’armonia energetica e vivere meglio.

La preparazione dei fiori di Bach per rilassarsi e dormire : dal fiore alla tintura madre

Ogni boccetta di fiori di Bach è preparata attraverso il procedimento ideato e tramandato, ormai tanto tempo fa, dal Dottor Bach. La base della preparazione, ovviamente, è costituita dai fiori: ognuno è scelto sulla base delle sue specifiche proprietà e la sua essenza è catturata attraverso un procedimento molto particolare, che ha inizio già nella fase di raccolta. Perché le proprietà di ciascuna corolla rimangano intatte e al pieno delle proprie potenzialità, infatti, occorre che siano colte di prima mattina, durante una giornata limpida e in condizioni di serenità. L’uomo, quindi, deve agire in modo da non alterare l’armonia naturale nella quale la pianta vive e fiorisce: sarà doveroso scegliere solo piante in piena fioritura e spiccare i fiori da differenti piante d’origine, perché possano continuare a proliferare anche dopo il passaggio umano.

Uno dei rimedi, inoltre, è composto solo da una particolare mescolanza di acque di fonte. In quest’ultimo caso, quindi, la cura dovrà essere riposta nella scelta delle sorgenti, che dovranno essere pure e collocate in ambienti naturali, possibilmente vicine alle stesse aree in cui fioriscono le piante curative selezionate da Bach.

Dopo questa accurata procedura di selezione e raccolta, i fiori dovranno essere trasformati in tintura madre. Questo passaggio è di fondamentale importanza, perché permette di estrarre, senza alterarla, l’essenza stessa della pianta: è proprio questa l’energia che sarà capace di curare le nostre emozioni.

La preparazione della tintura madre può avvenire attraverso due metodi:

  • Solarizzazione: si procede attraverso strumenti sterili, versando 300 ml di acqua di fonte in una ciotola di vetro trasparente. Tra i fiori appena colti seleziona quelli più vitali: fate cadere le corolle dentro la ciotola, aiutandovi solo con un paio di forbici. È importante che non li tocchiate con le mani per non rovinarli e che i fiori ricoprano, alla fine, tutta la superficie dell’acqua. Esponete la ciotola al sole diretto per quattro ore, facendo attenzione che, in nessun momento, finisca all’ombra. Alla fine di questo processo, l’acqua avrà assorbito le essenze vitali dei fiori: toglieteli dall’acqua con l’aiuto di un rametto della pianta stessa. Disponete un filtro di carta sull’imboccatura di un recipiente di vetro blu, riempiendo la metà dello spazio disponibile con la tintura ottenuta. Aggiungete una quantità uguale di brandy alla frutta, fino a riempire completamente il recipiente.
  • Bollitura: non sempre capita di avere a disposizione una luce solare adeguatamente forte: in questo caso, la tintura madre potrà essere ottenuta attraverso il semplice metodo della bollitura. Utilizzate una casseruola di ceramica smaltata, perfettamente pulita e sterilizzata. Riempitela per tre quarti con i fiori selezionati e un piccolo ramo tratto dalla pianta stessa, ricoprendo il tutto con l’acqua di fonte. Fate bollire il tutto per circa mezz’ora, poi sistemate il coperchio sulla pentola e lasciate raffreddare. Versate la tintura madre in un recipiente di vetro scuro, filtrando il tutto con un filtro di carta.

Dopo aver ottenuto la tintura, potrete creare il trattamento a base di fiori di Bach per rilassarsi e dormire semplicemente mescolando in un recipiente 3/4 di acqua di fonte, 1/4 di brandy di frutta e 4 gocce di tintura madre ogni 30 ml di miscela.

I fiori di Bach: dove si comprano

La preparazione dei trattamenti, come appena visto, richiede molte cautele. Per questo, potrebbe essere più pratico e sicuro acquistare i fiori di Bach per rilassarsi e dormire già pronti, rivolgendosi alla propria erboristeria di fiducia. Quelle più fornite, infatti, avranno a disposizione l’intera collezione di rimedi e sapranno consigliare a ciascun cliente la terapia con fiori di Bach più adatta al suo disturbo, cronico o occasionale, dando indicazioni sulla posologia.

Occorre tenere conto che, a differenza dei farmaci e di altri rimedi naturali, le gocce di Bach per dormire sono totalmente prive di controindicazioni, fatta eccezione per allergie e forme di intolleranza ai specifici ingredienti (per esempio, lo stesso brandy utilizzato come conservante). Bisogna ricordarsi anche che le essenze possono essere utilizzate una alla volta o miscelate in diverse proporzioni per creare delle soluzioni specifiche, modellate sulla base delle specifiche esigenze di benessere di ciascun utilizzatore. Purché correttamente riposti, i contenitori di vetro scuro permettono di conservare a lungo l’essenza dei vostri fiori di Bach per rilassarsi e dormire.

I fiori di Bach per ansia e insonnia: quali sono i più indicati?

Ogni di fiore di Bach ha le sue proprietà, ma soprattutto non tutte le insonnie sono uguali. Chi ha deciso di affidarsi a una terapia con fiori di Bach per rilassarsi e dormire, quindi, per prima cosa dovrà scegliere il rimedio adatto alle sue reali esigenze. Ecco i fiori più indicati per i disturbi del sonno.

Agrimony (Agrimonia)

Questo rimedio è adatto soprattutto a chi non riesce a recuperare le energie durante il sonno e ne risente durante il giorno successivo. Il motivo? potrebbe essere una difficoltà a rilassarsi, o la tendenza a parlare durante il sonno.

 

Fiori di Bach Agrimonia

 

Vervain (Verbena)

Aiuta a prendere sonno più facilmente ed è uno dei più versatili tra i fiori di Bach per rilassarsi e dormire.

 

Fiori di Bach Verbena

 

Walnut (Noce)

È dedicato a chi viaggia spesso, a chi soffre di jet-lag e a chi non riesce a dormire lontano da casa propria.

 

Fiori di Bach Walnut

 

Impatients (Balsamina dell’Himalaya)

È perfetto per chi non trova ristoro nel sonno e si sveglia comunque nervoso, irritabile e poco energico.

Rock Rose (Eliantemo)

Questo fiore è il rimedio giusto per chi non riesce ad abbandonarsi al meritato riposo per via dell’ansia.

Aspen (Pioppo tremulo)

Questa soluzione è un potente aiuto contro il terrore notturno e i brutti sogni, perché aiuta a sprofondare in un sonno sereno e riposante.

Cherry Plum + Agrimony (Mirabolano + Agrimonia)

Aiuta a rilassare i nervi e la mandibola, aiutandoti contro il bruxismo e i dolori cervicali.

 

Fiori di Bach Cherry Plum

 

White Chestnut (Ippocastano bianco)

Uno dei rimedi più utili per chi non riesce a dormire per via dell’ansia. Aiuta la tua mente ad allontanare i cattivi pensieri.

Come si prendono i fiori di Bach per rilassarsi e dormire?

La filosofia che sta dietro ogni terapia con i fiori di Bach è semplice: la natura può trasmetterci, attraverso essenze scelte, le vibrazioni energetiche che ci sono indispensabili per ritrovare l’equilibrio emotivo perduto e stare bene. Ma in che modo è possibile ottenere questo risultato? Innanzi tutto, prima ancora di assumere le gocce di estratto, è necessario fare attenzione ad alcune circostanze che potrebbero ”disturbare” l’effetto del rimedio. Le gocce di Bach per dormire possono essere prese per via orale. In tal caso sarà necessario assicurarsi che sia pulita prima e per almeno un quarto d’ora dopo l’assunzione. Sì, quindi, all’igiene orale, ma senza l’utilizzo di paste dentifricie, che potrebbero alterare la purezza dell’essenza dei fiori di Bach per rilassarsi e dormire che avete scelto di assumere. Vietati, invece, cibi e bevande come tè, peperoncino, caffè. Per le stesse ragioni, anche l’abitudine al fumo dovrebbe essere limitata nei periodi che precedono e seguono le assunzioni: ogni pianta ha la necessità di esprimere la sua energia senza interferenze ed esplicarla a contatto con un organismo pronto ad accoglierla.

Si versano quattro gocce di essenza in mezzo bicchiere di acqua non gassata, possibilmente di sorgente, e si sorseggia il rimedio poco a poco, nell’arco di qualche ora. Si dovrà stare attenti a compiere movimenti circolari con l’utilizzo di un utensile in materiali naturali o plastica: occorre evitare il metallo, che potrebbe alterare il rimedio. Chi preferisce, può assumere i fiori di Bach per rilassarsi e dormire anche attraverso un cucchiaino di plastica o legno, mescolati con poca acqua.

La terapia con fiori di Bach per rilassarsi e dormire può essere effettuata anche attraverso lunghi bagni caldi. In tal caso, si possono aggiungere venti gocce di rimedio nella vasca, mescolando l’acqua con movimenti circolari: questo aiuterà a rilassarsi. Per un pediluvio che abbia gli stessi effetti, capace di potenziare gli effetti del tuo rimedio, si possono mescolare una decina di gocce ad una baccinella di acqua calda.